Trippa alla fiorentina

Trippa alla fiorentina

La trippa alla fiorentina è tra tutte le mie ricette quella che in assoluto amo di più…Se avete dato uno sguardo alla mia presentazione avrete visto che sono fiorentina e che l’amore per la cucina mi è stato trasmesso dalla mia nonna paterna. Ovviamente questa ricetta è sua, l’unica cosa che ho aggiunto è il peperoncino per il resto è tutta farina del suo sacco. Compreso il burro che lei metteva praticamente ovunque….Dove ho potuto l’ho sostituito ma qua non me la sono proprio sentita.

Ingredienti per 4 persone

  • 800 Gr.di trippa
  • 3 Cipolle rosse
  • 400 Gr.di pomodori pelati
  • Una noce di burro
  • Olio extra vergine di oliva
  • Peperoncino q.b

La prima cosa da fare è affettare le cipolle a fettine piuttosto sottili, per non piangere vi consiglio una volta che le avrete sbucciate di  metterle a bagno in acqua fredda per un po’. Mettetele ora  in un tegame con tre cucchiai d’olio extravergine d’oliva e un pizzico di peperoncino, lasciarle cuocere per dieci minuti circa devono essere stufate e non soffritte. Lavare bene la trippa sotto l’acqua corrente fredda, privatela della parte grassa se ce ne fosse  e tagliatela a stiscioline non troppo grandi.  A questo punto mettetela nel tegame con le cipolle salate e fate cuocere a fiamma viva  per una mezz’ora circa o comunque fino a quando non si sia asciugata tutta l’acqua che buttera’ fuori.

Trippa alla fiorentina

 

Una volta che l’acqua si è ritirata aggiungere i pelati o se preferite la passata, abbassate la fiamma e coprite il tegame Cuocete a fuoco basso per almeno due ore.

Una volta cotta togliete dal fuoco e mantecate con il burro . Servitela ben calda accompagnata da parmigiano grattugiato….e tanto pane! Preferibilmente di quello toscano sciocco!!!! Buon appetito.

Trippa alla fiorentina

 

Questa che vi ho dato è la fedele ricetta della mia amatissima nonna. Probilmente è per questo motivo che per me è il miglior modo in assoluto di mangiare la trippa. Perchè come abbiamo già detto si cucina per amore….

 

Condividi questa ricetta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *